Aeroporto "Francesco Baracca"

Casarsa della delizia, PN

IN FASE DI STESURA

Martedì 24 novembre siamo partiti dalla nostra scuola per andare a Casarsa della Delizia a visitare l'aereoporto militare Francesco Baracca, tutti (o quasi) avevamo MP4 o piccoli videogiochi, così siamo riusciti a passare il tempo in autubus ascoltando musica e canticchiando un po'.Siamo arrivati in pullman, il traggitto è durato un' ora.
Quando siamo arrivati, un generale ci ha accolto gentilmente e ci ha portato in una sala dove ci ha spiegato cosa fanno i militari, che elicotteri hanno, per far vedere a cosa gli usano e anche alcune delle loro imprese.
Noi siamo andati a vedere gli elicotteri, il centoventinove tiene due piloti, un pilota si siede davanti e comanda le diverse armi come: missili che possono guidare, razzi e davanti una mitragliatrice ruotante per difendere i militari via terra. Quello in alto invece comanda le direzioni dell'elicottero.

images.jpg

Il duecentocinque può tenere tredici persone e se smonti i sedili, diventa un elicottero che ha la possibilità trasportare dei feriti, noi ci siamo saliti e abbiamo fatto alcune foto.

Mentre un elicottero fa dei giri di prova c'è sempre un camion dei pompieri semre in moto pronto ad intervenire in caso di incendio o di incidente.
casco.jpgI piloti hanno un casco con un tubicino e con un vetrino appoggiato all' occhio destro che permette di vedere i comandi come a quale altezza ti trovi a quale velocità stai andando e se stai scendendo o se stai decollando, durante i voli notturni hanno una visiera che ti permette di vedere nel buio.
Questo casco è collegato con la mitraglietta davanti e quando il pilota gira la testa, il casco "comanda"alla all'arma di girare anche lei.


Ci hanno portato a vedere dove i loro meccanici riparavano gli elicotteri. C'è anche una regola che dice: bisogna cambiare i pezzi più importanti ogni cento ore di volo anche se i pezzi si potrebbero usare ancora e se l'elicottero non si usa da tanto tempo.



Abbiamo visto un elicottero volare nel cielo, per provare se lo strumento, una volta uscito in volo, funzionasse regolarmente.


Infine siamo andati nella torre di controllo dove c'erano due persone che erano in contatto con gli elicotteri via radio, dentro c'erano molti computer per le radioaree. C'è un mini computer collegato a un apparecchio che ti segnala la quantità di vento, il tempo, se c'è nebbia, i gradi, la quantità di umidità, se la situazione potrebbe cambiare e se si sta avvicinando un' altro aereo, per cui gli addetti segnalano ai due veicoli di cambiare traiettoria.
È stata una gita da urlo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!.

Guarda le foto

Testo a più mani, classe 5^ di Zoppè, a.s. 2009-10